Iscriviti alla Newsletter settimanale

mercoledì 27 maggio 2009

Le nuove leve delle Relazioni Pubbliche

Chi sono i futuri professionisti delle relazioni pubbliche? L’indagine Ferpi ha evidenziato una netta maggioranza si tratta di donne quasi otto su dieci (78%). Oltre la metà delle nuove leve delle RP (52%) ha tra i 20 e i 30 anni. Si tratta, in genere, di neolaureati che puntano ad una formazione post universitaria pratica e specialistica.

Significativa, comunque, anche la fascia di età dai 30 ai 40 anni, che rappresenta oltre un terzo del totale (39%). In questo gruppo ci sono professionisti già inseriti in azienda o attivi nelle agenzie di comunicazione. Operatori che hanno deciso di investire tempo ed energie per ampliare le proprie conoscenze professionali.

Oltre l’80% dei partecipanti ai corsi Ferpi svolge già l’attività professionale lavorando con un contratto a tempo pieno, di collaborazione o di stage. In particolare: il 27% è inserito in agenzie di relazioni pubbliche, il 20% in aziende, il 12% in associazioni e il 9% svolge uno stage.

L’indagine ha anche analizzato il background formativo dei partecipanti.
L’82% delle nuove leve ha conseguito la laurea.

Quali sono le facoltà più gettonate fra gli aspiranti professionisti? Il 44% proviene da corsi di laurea in scienze della comunicazione e relazioni pubbliche. Il 38% ha frequentato corsi di laurea tradizionali, come lingue e letterature straniere, lettere moderne, sociologia, scienze politiche, economia politica, economia e commercio. Il restante 18% è in possesso di un diploma di scuola media superiore.

Da dove provengono i nuovi professionisti delle relazioni pubbliche?
Dall’indagine Ferpi conferma la tradizionale concentrazione in due regioni, che insieme fanno circa tre quarti del totale: Lombardia, con il 39%, e Lazio con il 34%.
Questo dato, tuttavia, risente anche delle sedi di svolgimento del corso Ferpi, che nelle passate edizioni, si svolgeva solo a Milano e Roma.
Ma, un elemento importante è la quota di professionisti che si sono spostati per seguire il corso formativo: ben il 27%.

Proprio per far fronte alla richieste provenienti da altre aree del Paese, Ferpi ha allargato il progetto formativo organizzando sessioni del corso di preparazione alla pratica professionale nelle RP anche in altre città.
Nel 2009, infatti, ci saranno anche Bari (aprile/settembre 2009), Rimini (settembre/gennaio 2009) e Torino (settembre/gennaio 2009). Il corso farà poi tappa a Roma (ottobre 2009/febbraio 2010) e Milano (gennaio/ maggio 2010).

“Il continuo aggiornamento e la conoscenza delle più moderne tecniche di comunicazione sono elementi essenziali del comunicatore dei nostri tempi, capace di rispondere adeguatamente alle sfide che pongono le imprese e le istituzioni in una società sempre più complessa. Il corso di preparazione alla pratica professionale nelle relazioni pubbliche e nella comunicazione d’Impresa” – afferma Gianluca Comin, Presidente FERPI – “è un progetto formativo unico in Italia che punta proprio in questa direzione, per offrire a chi già lavora e a quanti si affacciano al mondo della comunicazione gli strumenti concreti per poter operare nella professione”.

In totale si tratta di 5 mesi di corso intensivo finalizzato all’approfondimento pratico di modelli e metodologie nella pianificazione e gestione di sistemi di relazione, con specifici riferimenti alla comunicazione d’impresa.
Sono previste 100 ore di aula con un programma ricco di esercitazioni pratiche individuali o di gruppo. Il corpo docente è composto da affermati professionisti delle relazioni pubbliche che, attraverso l’esame di casi concreti e situazioni vissute sul campo, stimolano una continua interazione con i partecipanti.

In allegato i dati della ricerca

FERPI, Federazione Relazioni Pubbliche Italiana, è l’associazione che rappresenta i professionisti che operano nelle Relazioni Pubbliche e nella Comunicazione nel nostro Paese.
L’Associazione, costituita nel 1970, opera per valorizzare la professione dei relatori pubblici e dei comunicatori, per rappresentare i propri iscritti e per garantire nei confronti di committenti ed imprese una tutela assicurata dai principi di etica e di autoregolamentazione dei comportamenti grazie ai Codici adottati. FERPI conta oggi circa 1000 iscritti presenti su tutto il territorio nazionale, con un’attività associativa affidata a 13 Sezioni Regionali e Territoriali.

 

0 commenti:

Posta un commento