Iscriviti alla Newsletter settimanale

venerdì 25 marzo 2016

#quellocheciunisce al Forum della Comunicazione 2016

Quest’anno il Forum della Comunicazione ritorna a Milano, la sede naturale per l’evento storico della Comunicazione d’impresa ed istituzionale con focus specifico sui temi dell’innovazione e digital engagement.
L’evento si svolgerà il 9 giugno presso il Palazzo Lombardia nei due piani dedicati, con la caratteristica di essere un concentrato di innovazione, relazioni e contenuti in un unico luogo, nello stesso giorno.

Dopo la serata di anteprima, l'8 giugno, il Business Social Media Cocktail (riservato solo a Partner e Speaker), al Forum della Comunicazione si susseguiranno circa 30 sessioni di lavoro, 100 Speaker, 200 appuntamenti di Business Matching presso i Salottini Relazionali riservati, 10 Tavoli di Business Lunch, 3 Sessioni di Workshop, 3 Sessioni di “Executive Circle” (il format di Comunicazione Italiana che mette in “circolo” fino a 24 decision maker di altissimo profilo attorno ad un tavolo, per approfondire tematiche verticali sulla comunicazione e sull’innovazione digitale).

Quest’anno il programma si sviluppa da un filo conduttore unico, che diventa anche “hashtag" ufficiale dell’evento: #QUELLOCHECIUNISCE.

“Ciò che è avvenuto in questi ultimi anni sul tema della sicurezza percepita, e sul tema della diffusione delle informazioni ha già cambiato i paradigmi del sistema di comunicazione e sta cambiando i Valori di riferimento delle persone”– racconta Fabrizio Cataldi, Founder & Chairman di Comunicazione Italiana – Tutto passa dal tema e dal Valore della “fiducia”: "Siamo entrati nella “sharing economy” passando da un mondo del “possesso” ad mondo dell’“accesso”; la competitività passa attraverso la “fabbrica 4.0”, nel mondo del lavoro sono nate nuove professioni e nuove modalità in un’ottica di "smart mobility”; le aziende e le istituzioni potrebbero evolvere diventando vere e proprie “media company” con il lavoro di "brand storytelling”, e misurando ed elaborando la comunicazione attraverso “big data”; i territori si sviluppano sempre di più attraverso gli eventi e l’innovazione digitale.

0 commenti:

Posta un commento